I miti del Whisky svelati – Parte 1

I migliori Whisky del mondo

I miti del Whisky svelati – Parte 1

Il Whisky ha sempre incuriosito la maggior parte delle persone. Che si tratti dei diversi nomi dati a questa bevanda, dei diversi luoghi di produzione o anche di come distinguere i Whisky buoni da quelli meno buoni che si trovano sul mercato. Il Whisky suscita curiosità e interesse in quanto è uno spirito unico che può essere deliziato in una varietà di modi diversi. In questa nuova serie, sveleremo alcuni miti sul Whisky per aiutarvi a capire qualcosa in più su questa fantastica bevanda.

Scotch, Bourbon e Whiskey sono tutti uguali.

Non esattamente. La differenza principale tra questi tre termini è di tipo geografico e dei loro ingredienti. Lo Scotch è il whisky prodotto in Scozia, il Bourbon è prodotto negli Stati Uniti, principalmente nel Kentucky e il Whiskey è prodotto in Irlanda, con il nome di Irish whiskey.

Sebbene il Bourbon sia conosciuto come il whisky degli Stati Uniti, il Jack Daniels non si chiama Bourbon ma Whisky del Tennessee. Il motivo è dovuto al processo di produzione: il Bourbon è uno spirito distillato, mentre il Whisky del Tennessee viene filtrato attraverso un carbone di zucchero e di mela. Il nome Bourbon deriva anche da un’area del Kentucky nota come Old Bourbon, dedicata alla produzione di questo incredibile whisky.

Anche gli ingredienti sono diversi. In Scozia, il Whisky si ottiene dall’orzo maltato, mentre negli Stati Uniti il Bourbon viene distillato dal mais. Questo influenzerà il sapore del Whisky e quindi le sue note e il suo aroma unici.

Il whisky single malt è prodotto da un particolare raccolto di orzo.

Il single malt non ha nulla a che vedere con il raccolto dell’orzo. Un Whisky si chiama single malt quando viene distillato da un’unica distilleria.

Normalmente un single malt è associato a un whisky scozzese a causa delle normative del paese. In Scozia, un single malt è prodotto da orzo maltato e distillato con alambicchi a vaso in un’unica distilleria. Il Whisky deve inoltre essere invecchiato per almeno 3 anni in botti di rovere di capacità non superiore a 700 litri.

Al giorno d’oggi, tuttavia, si trovano single malt provenienti da altri paesi, che possono differire leggermente dal processo scozzese. Negli Stati Uniti, un whisky single malt potrebbe essere stato sviluppato utilizzando segale maltata piuttosto che orzo maltato. In altri Paesi non vigono le norme rigorose della Scozia, quindi non stupitevi se non c’è molta associazione con il processo di produzione dello scotch single malt.

Nei cocktail vengono utilizzati solo whisky di scarsa qualità

La risposta è no, e questo non vale solo per i whisky ma per qualsiasi tipo di alcolico. La qualità dell’acquavite influisce notevolmente sulla qualità del cocktail che state sviluppando.

La varietà di Whiskey che troverete sul mercato vi offrirà una varietà di aromi e sapori diversi che si abbinano in modo diverso alle diverse ricette di cocktail e agli ingredienti.

Una delle nostre famose serie di articoli è “No Fail – Whisky Cocktail“? che ti offre una serie di ricette di cocktail diversi con tipi di whiskey molto specifici. Essere specifici sul tipo di whisky da utilizzare in un determinato cocktail vi permetterà di capire meglio quale direzione prendere e quale tipo di whisky utilizzare.

Come menzionato nel mito precedente, un whisky single malt prodotto in Scozia utilizzerà un orzo maltato, mentre negli Stati Uniti un whisky single malt utilizzerà segale maltata. Il più piccolo cambiamento nel processo di produzione, invecchiamento, procedure, ingredienti e materiali influisce sul sapore del Whisky e quindi sul sapore del cocktail che state sviluppando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Nessun prodotto nel carrello.