Whisky – Guida

whisky senza dichiarazione di età

Whisky – Guida

In questo articolo ci immergeremo nell’affascinante storia e nei tipi di Scotch, un whisky di malto o di cereali prodotto in Scozia.

In origine, lo scotch veniva prodotto con orzo maltato, ma dalXVIII secolo;
Le distillerie iniziarono a utilizzare grano e segale per produrre Whisky. Esistono cinque diverse categorie di Scotch: single malt Scotch whisky, single grain Scotch whisky, blended malt Scotch whisky, blended Scotch whisky e blended grain Scotch whisky. Inoltre, in questo articolo, vi forniremo alcuni approfondimenti su ciascuna categoria, in modo che possiate comprendere le caratteristiche che la contraddistinguono.

Affinché una distilleria possa classificare ufficialmente un whisky come scozzese, deve essere prodotto in Scozia e deve essere invecchiato in botti di rovere per almeno tre anni. L’età, indicata in numeri sulla bottiglia, deve riflettere l’età del whisky più giovane utilizzato per produrre il prodotto, noto come Whisky di età garantita. Se non c’è una dichiarazione di età, allora è noto come Whisky NAS (senza dichiarazione di età), ma avrà almeno tre anni.

La storia

La Scotch Whisky Association afferma che il whisky era inizialmente chiamato uisge beatha , che significa “acqua di vita”. La prima volta è stata documentata in una pagina dell’Exchequer Rolls of Scotland, scritta nel 1495 e che riporta quanto segue: “A Friar John per ordine del Re, per fare aqua vitae VIII bolls of malt”? L’Exchequer Rolls of Scotland contiene i registri di tutte le entrate e le spese reali. Questa affermazione significa che furono date otto balle di malto a Frate Giovanni per fare l’aqua vitae, il whisky scozzese. Con questa quantità di malto, si stima che nel 1494 si potessero produrre circa 1.500 bottiglie di Scotch. Ciò significa che alla fine delXV secolo la produzione di Scotch era già ben avviata.

A partire dalXV secolo, l’acqua della vita (scotch whisky) divenne incredibilmente famosa e desiderabile al punto da circolare in tutta la Scozia. Nel 1644 il governo scozzese iniziò a tassare la bevanda. Purtroppo c’erano ancora alcuni distillatori che vendevano la bevanda illegalmente, così nel 1780 c’erano solo 8 distillerie legali in tutta la Scozia e più di 400 illegali.

Il governo, nel 1823, creò la “legge sulle accise”? al fine di ridurre le restrizioni, consentendo a un maggior numero di distillerie di produrre legalmente questa incredibile bevanda.

Tipi di Scotch

Esistono due tipi di whisky scozzesi da cui vengono ricavati tutti i blended:

  • Single Malt – il whisky è prodotto con acqua e orzo maltato in un’unica distilleria. Si tratta di una scelta famosa nella maggior parte delle case nordamericane.
  • Single Grain – anche questo whisky è prodotto in un’unica distilleria con acqua e orzo maltato con l’aggiunta di chicchi di altri cereali maltati o non maltati. Il Blended Whisky medio è composto per il 60%-85% da whisky di cereali.

Da questi due tipi principali di scotch whisky si formano tre sottocategorie:

  • Blended Scotch – questo tipo di whisky è ottenuto da almeno una miscela di uno o più single malt scotch whiskies con uno o più single grain scotch whiskies
  • Blended Malt Scotch – questo whisky è ottenuto da una miscela di due o più whisky single malt sviluppati in distillerie diverse. Questo tipo è in realtà uno dei whisky più rari che si possano trovare al giorno d’oggi.
  • Blended Grain Scotch – questo whisky è ottenuto da una miscela di due o più whisky single grain sviluppati in distillerie diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Il periodo di verifica reCAPTCHA è scaduto. Ricaricare la pagina.

Nessun prodotto nel carrello.